Menu

> Vicini alla scuola > Quattro seminari per riflettere e comprendere i processi di trasformazione

Vicini alla scuola

26 Aprile 2021

Quattro seminari per riflettere e comprendere i processi di trasformazione

Il Segretario generale Francesco Sinopoli mi ha personalmente invitato a partecipare a quattro incontri che l’Ufficio studi della Flc Cgil promuove a partire dal 29 aprile con la lettera che rilanciamo con particolare interesse. Le personalità che offriranno il loro contributo e dialogheranno con Francesco sono infatti tutte di alto profilo e di sicuro interesse per quanti a diverso titolo si occupano di istruzione e formazione. Molto volentieri pertanto non solo accolgo l’invito ma mi permetto di estenderlo a tutta la rete della nostra associazione e a quanti, impegnati nella scuola, seguono le nostre iniziative.

Una opportunità decisamente interessante e di grande attualità.

Dario Missaglia

 

“Nel nostro ultimo congresso ci siamo dati l’obiettivo di riportare il dibattito pubblico sul senso dell’istruzione e della ricerca nella società partendo dalla missione costituzionale delle istituzioni della conoscenza con uno sguardo ai cambiamenti epocali del XXI secolo, alle nuove generazioni di studenti e docenti, alle nuove sfide della relazione educativa nel tempo della complessità che ci sfida. La pandemia ha poi rappresentato un acceleratore dei processi già in corso da tempo mostrando tutte le criticità di un sistema di istruzione da anni sottoposto a interventi che hanno prodotto un aumento delle disuguaglianze, una crisi di fondo della sua missione costituzionale nel tentativo di piegarlo alla logica neoliberale della competizione. Abbiamo organizzato molte occasioni di dibattito cercando di coniugare sempre le necessità dell’infrastruttura della scuola con il senso e la missione che deve avere oggi. L’appuntamento del 23 ottobre aperto da Edgar Morin e concluso da Maurizio Landini dedicato al piano di ripresa e resilienza aveva questo significato.

Ora si tratta di continuare su questa strada. Abbiamo per questo pensato come ufficio studi un ciclo di appuntamenti seminariali che andranno online sul nostro sito e sui nostri canali social finalizzati a contribuire al dibattito pubblico e alla nostra riflessione interna.

Sono state invitate 4 personalità del mondo accademico e intellettuale (in ordine alfabetico): Mauro Ceruti, Miguel Gotor, Vanna Iori, Carlo Sini. 

Il FORMAT

Una lezione magistrale di circa 30 minuti, seguita da un dialogo con il segretario generale che potrà raccogliere spunti e suggestioni anche collegate all’attualità.

Ogni seminario è accompagnato da una bibliografia fornita dallo stesso oratore, per chiunque voglia approfondire temi e aspetti della lezione.  

L’AGENDA DEFINITIVA DEI 4 SEMINARI 

29 aprile
Primo incontro con Carlo Sini, professore emerito di Filosofia teoretica alla Statale di Milano, alle ore 18.00.
Tema della lezione magistrale: Istruire è educare. Alla ricerca del senso perduto. 

6 maggio
Secondo incontro con Miguel Gotor, docente di Storia contemporanea all’Università di Torino, alle ore 18.00.
Tema della lezione magistrale: Istruire è educare. La scuola che verrà, contro l'ideologia del capitale umano.

27 maggio
Terzo incontro con Mauro Ceruti, docente di Filosofia della complessità allo Iulm di Milano, alle ore 18.00.
Tema della lezione magistrale: Istruire è educare. La sfida della complessità. 

4 giugno
Quarto incontro con Vanna Iori, docente di Pedagogia generale alla Cattolica di Milano e attualmente senatrice, alle ore 18.00.
Tema della lezione magistrale: Istruire è educare. Nello spazio vissuto della relazione educativa

Come è evidente, si tratta di assumere questi seminari come materiali di interesse collettivo per allargare un dibattito pubblico che è divenuto asfittico e purtroppo preda del "presentismo quotidiano", in cui spesso si guarda al dito ma si smarrisce la visione della Luna, del lungo periodo, delle strategie razionali per delineare il futuro dell'istruzione come educazione e del senso della conoscenza, che drammaticamente va smarrendosi.

Per le caratteristiche della discussione sollecitiamo la partecipazione e la promozione degli eventi.”

 

Top