Menu

> Europanews > EuropaNews n° 3 ottobre-novembre 2020

Europanews

04 Dicembre 2020

EuropaNews n° 3 ottobre-novembre 2020

Documenti e rapporti

Commissione Europea Istruzione e formazione
Monitoraggio del settore dell’istruzione e della formazione 2020
Pubblicato come documento di lavoro dei servizi della Commissione europea, il monitoraggio dell'istruzione e della formazione presenta una valutazione annuale del sistema di istruzione e formazione in tutta Europa. La relazione raccoglie i dati più recenti, le relazioni tecniche e gli studi, nonché esempi di misure politiche di diversi paesi dell'UE. Il tema principale di quest'anno per il monitoraggio dell'istruzione e della formazione è l'insegnamento e l'apprendimento nell'era digitale. Il monitoraggio 2020 analizza gli obiettivi e i parametri di riferimento adottati nell'ambito del quadro strategico per la cooperazione europea nel settore dell'istruzione e della formazione 2020. Gli obiettivi riguardano "l'abbandono precoce dell'istruzione e della formazione"; "livello di istruzione terziaria"; "partecipazione all'educazione e alla cura della prima infanzia"; "scarso rendimento nelle competenze di base"; "tasso di occupazione dei neolaureati"; "apprendimento degli adulti"; e "mobilità per l'apprendimento nell'istruzione superiore".

Monitoraggio del settore dell’istruzione e della formazione 2020 - ITALIA
La sezione 1 presenta una panoramica statistica dei principali indicatori di istruzione e formazione. La sezione 2 identifica brevemente i principali punti di forza e sfide del sistema di istruzione e formazione del paese. La sezione 3 si concentra sull'educazione digitale. La sezione 4 esamina gli investimenti nell'istruzione e nella formazione. La sezione 5 tratta delle politiche per modernizzare la prima infanzia e l'educazione scolastica. Sezione 6 copre istruzione e formazione professionale. Infine, la sezione 7 discute le misure per modernizzare l'istruzione superiore, mentre la sezione 8 riguarda l'apprendimento degli adulti.

Monitoraggio del settore dell’istruzione e della formazione 2020 - Country analysis

Piano d'azione per l'istruzione digitale (2021-2027)
Il piano d'azione per l'istruzione digitale (2021-2027) delinea la visione della Commissione europea per un'istruzione digitale di alta qualità, inclusiva e accessibile in Europa. È un invito all'azione per una cooperazione più forte a livello europeo per: imparare dalla crisi COVID-19, durante la quale la tecnologia viene utilizzata a una scala senza precedenti nell'istruzione e nella formazione, rendere i sistemi di istruzione e formazione adatti all'era digitale.

Eurydice
L’Area europea dell’Istruzione superiore nel nuovo rapporto sul Processo di Bologna
Quest’ultimo rapporto sull’attuazione del processo di Bologna presenta un quadro dei traguardi raggiunti dallo Spazio europeo dell’istruzione superiore (European Higher Education Area – EHEA) nell’arco di due decenni. Il testo si suddivide in cinque capitoli tematici: aspetti fondamentali dello Spazio europeo dell’istruzione superiore; struttura dei diplomi; assicurazione della qualità e riconoscimento; dimensione sociale; e internazionalizzazione. Il sesto capitolo considera gli sviluppi futuri relativi alle decisioni politiche da prendere per l’Area europea dell’istruzione superiore nel prossimo decennio.
Il rapporto combina tre tipi di informazioni: dati quantitativi, prodotti da Eurostat, dati qualitativi, forniti dal Gruppo dei Séguiti di Bologna (Bologna Follow-Up Group – BFUG), e informazioni sui principali sviluppi politici di due decenni.

La struttura dei sistemi educativi europei 2020/21: diagrammi schematici
Questo rapporto offre informazioni sulla struttura dei principali percorsi di istruzione dei paesi europei dal livello pre-primario al livello terziario. Le informazioni si riferiscono all’anno scolastico e all’anno accademico 2020/21. Include diagrammi nazionali schematici, una guida esplicativa per la lettura degli stessi e una mappa che mostra i principali modelli organizzativi dell’istruzione primaria e secondaria inferiore in Europa. Le informazioni vengono presentate per 43 sistemi educativi europei, che coprono i 38 paesi partecipanti al programma dell’UE Erasmus+.

Equità nell'istruzione scolastica in Europa: strutture, politiche e rendimento degli studenti
Il contesto socio-economico continua a essere un fattore determinante per il rendimento scolastico degli studenti e l’organizzazione dei sistemi educativi può ancora influire sulle disuguaglianze educative. L’ultimo rapporto di Eurydice indaga questo tema e identifica le strutture e le politiche associate a una maggiore equità del sistema in relazione soprattutto ai risultati degli studenti, utilizzando anche dati tratti da indagini internazionali sulla valutazione degli studenti, come PISA, PIRLS e TIMSS. Il rapporto prende in esame 42 sistemi educativi europei ed esamina in particolare le seguenti caratteristiche sistemiche: partecipazione all’educazione e cura della prima infanzia, finanziamento scolastico, differenziazione e tipi di scuola, scelta della scuola, politiche di ammissione, sistemi di percorsi scolastici differenziati, ripetenza, autonomia scolastica, accountability, sostegno alle scuole svantaggiate, sostegno per studenti con scarso rendimento e opportunità di studio.

L'istruzione obbligatoria in Europa 2020/21
Questa pubblicazione di Eurydice presenta la durata dell’istruzione/formazione obbligatoria in Europa. Vengono sottolineate le età di inizio e di fine del percorso di istruzione/formazione e vengono distinti i concetti di istruzione/formazione obbligatoria a tempo pieno e a tempo parziale per ciascun paese. Le informazioni, che si riferiscono all’anno scolastico 2020/21, sono disponibili per i 43 sistemi educativi europei, che coprono i 38 paesi partecipanti al programma dell’UE Erasmus+.

Stipendi e indennità di insegnanti e capi di istituto in Europa 2018/19
Questo rapporto analizza gli stipendi degli insegnanti e dei capi di istituto nelle scuole pubbliche preprimarie, primarie e secondarie di 42 sistemi educativi europei. L’anno di riferimento è il 2018/19. L’analisi comparativa prende in esame gli stipendi tabellari degli insegnanti neoassunti e le prospettive di aumento salariale durante la loro carriera. Mostra anche le principali variazioni degli stipendi tabellari negli ultimi anni, gli stipendi medi effettivi, comprese le indennità e altre remunerazioni aggiuntive, e gli stipendi dei capi di istituto. Il rapporto include schede nazionali con informazioni dettagliate, per ciascun paese, sugli stipendi, le indennità e le altre remunerazioni aggiuntive di insegnanti e capi di istituto. I dati vengono raccolti congiuntamente dalle reti Eurydice e OCSE/ NESLI.

Epale Journal n.7-8/2020
“Per l’Italia oggi. Apprendimento lungo l’arco della vita, competenze professionalità e partecipazione” dedicato alla ricognizione sull’apprendimento permanente in Italia in un momento di passaggio che si colloca alla fine dei primi 5 anni di Epale. Si tratta però anche di una nuova fase di passaggio del tutto imprevedibile, segnata dai recenti eventi intervenuti nei mesi – quelli in cui questo numero prendeva forma – della sospensione delle attività didattiche che hanno portato a cambiamenti ancora non del tutto compresi, che riaccendono i riflettori sulla centralità dell’educazione.

UNICEF- UNESCO - Banca Mondiale
Cosa abbiamo imparato? Risultati di un sondaggio dei ministeri dell'istruzione sulle risposte nazionali al COVID-19– UNESCO, UNICEF and World Bank report
Il rapporto pubblicato dall'UNESCO (quartier generale e istituto di statistica), dall'UNICEF (quartier generale e ufficio di ricerca) e dalla Banca mondiale, esamina le risposte dell'istruzione nazionale al COVID-19 compreso l'apprendimento perso; supporto all'apprendimento a distanza per studenti, genitori e insegnanti; piani di riapertura scolastica; protocolli sanitari; e finanziamento. Secondo i dati raccolti, gli scolari dei paesi a reddito medio-basso hanno già perso quasi quattro mesi di scolarizzazione dall’inizio della pandemia, rispetto a una media di sei settimane tra i paesi ad alto reddito. Compilando i dati dei sondaggi sulle risposte educative nazionali al COVID-19 da 149 paesi tra luglio e ottobre, il rapporto rileva anche che gli scolari nei paesi a reddito basso e medio-basso avevano meno probabilità di avere accesso all'apprendimento remoto o di essere monitorati giorno per giorno dagli insegnanti e avevano maggiori probabilità di avere ritardi nella riapertura delle loro scuole.

OCSE Education
Costruire una forza lavoro di alta qualità per l'educazione e la cura della prima infanzia
Come possono i paesi preparare gli insegnanti ad affrontare le diverse sfide nelle scuole odierne? L'indagine internazionale sull'insegnamento e l'apprendimento dell'OCSE (TALIS) aiuta a rispondere a questa domanda chiedendo agli insegnanti e ai dirigenti scolastici le loro condizioni di lavoro e l'ambiente di apprendimento nelle loro scuole.

Valutazione della politica educativa
Questo documento si propone di esaminare l'attuale panorama della valutazione delle politiche educative nei paesi e nelle economie OCSE esaminando le tendenze recenti e i fattori contestuali che possono promuovere una valutazione più solida delle politiche educative, oltre a identificare le sfide chiave. Considera la valutazione delle politiche come un'attività che si svolge durante l'intero ciclo politico, prima, durante e dopo l'attuazione di una riforma. Propone un quadro di supporto per la valutazione delle politiche educative che integra fattori istituzionali che possono aiutare a costruire solide basi per la valutazione delle politiche. Presenta inoltre alcune considerazioni specifiche da tenere in considerazione per i processi di valutazione delle singole politiche.
L'analisi di oltre 80 valutazioni nei sistemi educativi dell'OCSE fornisce un'indicazione della diversità degli approcci adottati nel processo di valutazione delle politiche. I risultati chiave si riferiscono a "chi", "quando", "cosa", "come", "per cosa" e "cosa dopo" dei processi di valutazione delle politiche attraverso una lente comparativa.

Studi e ricerche

Eurostat
Bambini a rischio di povertà o esclusione sociale
Questo articolo presenta dati statistici sulla situazione dei bambini dell’UE (di età inferiore a 18 anni) a rischio di povertà o esclusione sociale (AROPE).

Abbandono precoce dell'istruzione e della formazione nelle regioni dell'UE
Nel 2019, la quota di coloro che abbandonano prematuramente l'istruzione e la formazione nell'UE era del 10,2%. In altre parole, un individuo su dieci di età compresa tra i 18 ei 24 anni con al massimo un livello di istruzione secondaria inferiore (ISCED 0 - 2) non è stato impegnato in alcuna ulteriore istruzione e formazione nelle quattro settimane precedenti l'indagine. L'obiettivo di Europa 2020 è quello di ridurre i tassi di abbandono scolastico nell'UE al di sotto del 10% entro il 2020. Nel 2019, questa quota era già inferiore al 10% nella maggior parte delle regioni (livello NUTS 2) con alcune delle quote più basse concentrate nell'Europa orientale.

Socarxiv
Disuguaglianza di apprendimento durante la pandemia di COVID-19
La sospensione dell'istruzione in presenza nelle scuole durante la pandemia COVID-19 ha portato a preoccupazioni sulle conseguenze per l'apprendimento degli studenti. Finora, i dati sono stati limitati. La ricerca, condotta dalle Università di Oxford e di Stoccolma, valuta l'effetto della chiusura delle scuole sul rendimento della scuola primaria utilizzando dati dai Paesi Bassi. I Paesi Bassi rappresentano lo scenario migliore con un blocco relativamente breve (8 settimane) e un alto grado di preparazione tecnologica. I risultati della ricerca rivelano una perdita di apprendimento di circa 3 punti percentili. Le perdite sono maggiori fino al 55% tra gli studenti provenienti da famiglie meno istruite. La perdita media di apprendimento equivale a un quinto di un anno scolastico, quasi esattamente lo stesso periodo in cui le scuole sono rimaste chiuse. Questi risultati implicano che gli studenti abbiano fatto progressi scarsi o nulli durante l'apprendimento da casa e suggeriscono perdite molto maggiori nei paesi meno preparati per l'apprendimento a distanza.

OCSE Education
Formazione degli insegnanti e utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione di fronte alla crisi COVID-19
L'epidemia di COVID-19 ha causato una delle maggiori interruzioni dell'istruzione a cui si è assistito negli ultimi anni. Nel tentativo di impedire la circolazione del virus e di garantire il diritto all'istruzione, molti governi sono passati rapidamente dall'istruzione tradizionale faccia a faccia a una qualche forma di apprendimento a distanza. Per garantire la continuità dell'apprendimento durante la chiusura delle scuole, molti insegnanti in tutto il mondo sono stati incaricati di trasferire le loro lezioni in linea. Ci sono alcune prove che i sistemi educativi si stanno muovendo verso una "nuova normalità" in cui la tradizionale istruzione faccia a faccia sarà integrata da una qualche forma di apprendimento a distanza. Anche se la raccolta dei dati è stata condotta prima dell'epidemia di COVID-19, l'indagine internazionale sull'insegnamento e l'apprendimento dell'OCSE (TALIS 2018) offre alcune informazioni utili per chiarire perché alcuni insegnanti sono più propensi a consentire agli studenti di utilizzare le TIC per progetti o lavori in classe rispetto ad altri, e esplorare i fattori alla base del fatto che gli insegnanti intraprendono attività di sviluppo professionale che includono abilità TIC per l'insegnamento.

PISA 2018 Volume VI
Gli studenti sono pronti a crescere in un mondo interconnesso? esplora la capacità degli studenti di esaminare questioni di importanza locale, globale e culturale; comprendere e apprezzare le prospettive e le visioni del mondo degli altri; impegnarsi in interazioni aperte, appropriate ed efficaci tra le culture; e agire per il benessere collettivo e lo sviluppo sostenibile. Il volume esplora i risultati degli studenti sul test cognitivo e il questionario corrispondente oltre alle loro esperienze di apprendimento globale e interculturale a scuola e oltre.

PISA FOCUS
Tutti gli studenti hanno pari opportunità di apprendere competenze globali e interculturali a scuola?
Nella sua valutazione del 2018, PISA ha valutato le competenze necessarie per vivere in un mondo interconnesso e diversificato. La competenza globale è definita in PISA 2018 come una capacità multidimensionale che comprende la capacità di: 1) esaminare questioni di rilevanza locale, globale e culturale; 2) comprendere e apprezzare le prospettive e le visioni del mondo degli altri; 3) impegnarsi in interazioni aperte, appropriate ed efficaci tra le culture; e 4) agire per il benessere collettivo e lo sviluppo sostenibile. Questo PISA in Focus esamina l'equità delle opportunità di apprendimento per le competenze globali e interculturali.

Dibattito e opinioni

OCSE Education
Gli studenti sono pronti a prosperare in un mondo interconnesso? La prima valutazione PISA della competenza globale fornisce alcune risposte Di Andreas Schleicher, direttore, Direzione dell'istruzione e delle competenze dell'OCSE

In che modo la collaborazione regionale può aiutare a migliorare i risultati dell'istruzione durante il coronavirus Di Jihyun Lee, professore associato, School of Education, University of New South Wales

Unesco
La violenza di genere legata alla scuola impedisce un'istruzione inclusiva di buona qualità

VOX EU CEPR
La chiusura delle scuole COVID-19 ha colpito in modo particolarmente duro gli studenti con risultati scarsi

Gli effetti a lungo termine della chiusura delle scuole

Il danno collaterale all'istruzione dei bambini durante il blocco, di Per Engzell, ricercatore, Leverhulme Center for Demographic Science, University of Oxford e Swedish Institute for Social Research

El diario de la educacion
Il momento per un'istruzione di qualità, inclusiva e trasformativa

Deutsches-schulportal
"Ho più paura della chiusura di una scuola che di un'infezione"

"I compiti non rendono i bambini più intelligenti", intervista a Remo Largo, pediatra dello sviluppo scomparso l’11 novembre 2020


Immagine creata da makyzz - it.freepik.com/vettori/menu
Top